Ennio Flaiano e Fregene

flaiano la solitudine del satiro.png

 In fuga dalla Roma dei caffè, della folla di via Veneto, dei personaggi legati al mondo del cinema, Ennio Flaiano si rifugia a Fregene.  E’ in questo luogo che ha vissuto e lavorato ad alcuni dei suoi più importanti capolavori.  La malinconica alba sulla spiaggia nella scena finale de “La dolce vita” di F. Fellini - di cui lui era lo sceneggiatore - si svolge al villaggio dei pescatori di Fregene.

 Nel brano tratto dalla raccolta “La solitudine del satiro” che trae spunto dal lancio del primo satellite artificiale – lo Sputnik, proiettato nello spazio dall’URSS nell’ottobre del 1957, Flaiano va e viene dalla sua amata Fregene, da dove “osserva l’insensata realtà del tempo e ne coglie vizi, difetti, manchevolezze, con l’occhio scettico e disincantato di chi è cinicamente rassegnato allo scacco finale:

“ […] Come sono belle queste giornate deserte al mare, come si riprende contatto col tempo e ci si lascia andare nel dolce abbandono dell’autunno limpido![…] La notte ora è silenziosa, i cani non abbaiano più alla Luna, che si leva tardi, e che a giorno fatto indugia ancora alta sul mare, sfrangiata verso ponente [...]”

 

Sempre sulla spiaggia di Fregene in “Un marziano a Roma”:

 20 dicembre. Oggi per la prima volta ho parlato col marziano. Mi trovavo a Fregene e l'ho subitoriconosciuto. Passeggiava sulla spiaggia piena di sole ma battuta dal vento. Guardava il mare e si fermava a raccogliere conchiglie: qualcuna ne metteva in tasca. Poiché eravamo soli sulla spiaggia, si è avvicinato per chiedermi un fiammifero [...] 

 

Risorse digitali:

Scena finale de “La dolce vita”, spiaggia di Fregene

https://www.youtube.com/watch?v=uLhSiZT8PDE

 

 

 

 

XHTML 1.0 Valido!